Contenuto principale

BIRRA TELEMATICA: 'CHIARA O INCOLORE'?

 La birra forse più del vino è universale, visto che per produrla non è necessario avere il terroir, le vigne, i vitigni, le stagioni favorevoli per ottenere il vino giusto e soprattutto l'arte del vignaiolo e cantiniere, che non si apprende per corrispondenza. Anche la birra però ha le sue leggi e regole severe che bisogna rispettare e applicare con competenza.
La birra è universale perché, mentre per il vino esistono ancora migliaia di ‘famiglie del vino’ consolidate e rampanti, e forse indistruttibili come idea culturale, la birra è controllata, in percentuale elevatissima non ancora 'confidenzialmente' verificabile, da alcune potenti ed anche capaci multinazionali o realtà multimarca.
E' il caso di dirlo che è proprio in virtù dell'elevata professionalità degli uomini (e donne, naturalmente) impegnati quotidianamente nelle attività produttive, commerciali e promozionali, che la birra sta diventando sempre più positivamente 'invasiva' degli strati più diversi nelle varie società e nelle variegate culture.

Partiamo dall'Italia, visto che è da questa regione che si irradia il nostro segnale telematico, per comprendere questa pacifica invasione della bevanda di Cerere. In Italia, fino a qualche decennio fa si consumavano 110 milioni di ettolitri di vino (nelle sue più diverse qualità e gratificazioni, e solo meno di 5 milioni di ettolitri di birra.
 Attualmente in Italia si sfiorano i 18 milioni di ettolitri di questa 'nordica' bevanda (nordica per origini e cultura, checché ne dicano gli altri), mentre il vino è sceso come produzione intorno ai 52 milioni di ettolitri, anche se la qualità in generale del vino è decisamente migliorata. Vale il detto, ovvio e scontato, che 'si beve meno ma si beve meglio’.
Per la birra il discorso è diverso: si beve meglio per via delle proposte sempre più ampie e soprattutto si beve di più, in senso universale per via che la birra penetra in tutte le società e culture, se si fa eccezione di quelle 'teocratiche' che snobbano per motivi 'sovrannaturali' qualunque approccio con bevande anche solo lievemente alcoliche.

Ora la birra, d'altronde in gran parte anche il vino, marcia e avanza sui reticoli invisibili ma reali che raggiungono gli schermi dei computer abilitati alla rete.
Noi collegati con l'Universo Birra, riceveremo e ritrasmetteremo, tutte le informazioni utili o necessarie, da noi rese accessibili e sintetizzate, per gli operatori dell'Universo Horeca, consigliando e suggerendo la soluzione giusta per ogni luogo, momento e modo di consumo.
Non mancheremo gli appuntamenti più interessanti che saranno attivati per la liquida, deliziosa bevanda, che è più ‘moderna’, e attuale più che mai, anche se ha origini secolari, non certo trimillenarie, come sarà spiegato nelle puntate sulle vere origini della birra.