Contenuto principale

ABRUZZO PAESAGGI NATURA STORIA E TERME

ABRUZZO,  PARADISO  TERMALE

Terra di parchi, di storia e di antiche tradizioni, dove mare e montagna quasi si toccano, dove feste contadine e itinerari di fede si sovrappongono alle nuove vie dello sviluppo, l’Abruzzo è anche l’ambiente naturale più adatto per soggiorni all’insegna dello star bene. Specifici percorsi curativi di tipo termale sono proposti nell’attrezzatissima stazione di Caramanico Terme, ai piedi della Majella, e nei più piccoli centri di Popoli, Raiano e Canistro Terme. Un’ottima ragione per programmare un viaggio alla scoperta di alcuni aspetti forse poco conosciuti della bellissima regione adriatica.

 

Caramanico Terme
A 700 metri sul livello del mare, nel cuore del Parco Nazionale della Majella, Caramanico Terme è relax, divertimento e cultura. Il vecchio paese conserva tutte le mura di cinta, testimoni della sua origine medievale: sono ancora visibili nella parte alta alcuni resti del castello, mentre nella parte bassa si trovano le case-mura che erano parte integrante della fortificazione. Le coste pescaresi distano solo una trentina di minuti di macchina, mentre ancora più vicine sono le riserve della Valle dell’Orfento e di Lama Bianca. Anche solo facendo piccole escursioni è possibile imbattersi in eremi e in caratteristiche case in pietra.
Le Terme di Caramanico sono la più antica stazione termale abruzzese. Grazie alle acque oligominerali e in particolare sulfuree, ricchissime di idrogeno solforato, sono un’eccellente cura naturale per malattie reumatiche, cutanee e ginecologiche, per gli apparati respiratorio, digerente, uditivo e vascolare. Tutti i principi attivi che caratterizzano queste acque le rendono particolarmente efficaci nella prevenzione e nella riabilitazione respiratoria e neuromotoria.

Presso le strutture (convenzionate con SSN, INPS e INAIL), oltre alle classiche terapie termali, si possono effettuare trattamenti di fisiochinesiterapia ed estetica termale.

 

POPOLI  
Situata nella gola di Tre Monti, Popoli divide la Valle Peligna dalla Val Pescara e offre tesori architettonici di grande importanza. Non meno ricche sono le risorse naturali della città, che si trova al centro di un alveo idrico di enormi dimensioni: una portata d’acqua di circa 7.000 litri al secondo, proveniente dal bacino di Campo Imperatore attraverso migliaia di risorgive, forma la riserva naturale delle sorgenti del fiume Pescara, che a valle accoglie le acque del Sagittario e dell’Aterno.

 

Le Terme di Popoli hanno origine nel 1857, mentre nel 1998 viene inaugurato il nuovo impianto della sorgente Decontra, dalla quale sgorgano in grande quantità acque dall’elevato contenuto solfidrimetrico. Il nuovo stabilimento termale è circondato da un parco di circa 60.000 metri quadrati, e al suo interno si curano patologie dermatologiche, vascolari, reumatiche e malattie degli apparati respiratorio, digerente e uditivo. Oltre alla possibilità di usufruire di moderni impianti per la riabilitazione termale, il centro è dotato di percorsi idrovascolari, di piscine per idrochinesiterapia, di vasche idromassaggio, di apparecchiature elettromedicali, di una palestra attrezzata. È attiva la convenzione con SSN.

 

Raiano    
L’antica Raiano è una piccola cittadina della Valle Peligna, dotata di numerose attrattive di interesse turistico e culturale. Le Terme di Raiano – denominate Terme di Ovidio, a ricordo del grande poeta latino – erano già conosciute in epoca romana, ma sono entrate a pieno titolo nel panorama termale abruzzese solo a partire dall’anno 2000, grazie all’inaugurazione del nuovo e funzionale impianto. Lo stabilimento utilizza la ricca sorgente de La Solfa, da cui sgorga un’acqua dalle particolari caratteristiche oligominerali, le cui componenti (ionico sulfureo bicarbonato – solfato calciche) consentono un effetto disintossicante, purificante e diuretico. Le acque di Raiano sono indicate per il trattamento di patologie artroreumatologiche e dell’apparato respiratorio.

 

Canistro Terme.     Situato a 700 metri di altezza e circondato da una natura incontaminata, il comune di Canistro è uno dei più caratteristici di tutto l’Abruzzo. Le sue sorgenti, note da secoli, alimentano le numerose, caratteristiche fontane del borgo; ogni anno, in estate, si tiene nel paese la tradizionale festa dell’acqua.
Oltre agli impianti di imbottigliamento di una nota marca di acqua minerale, Canistro ospita un centro medico con annesso stabilimento termale, dove le speciali caratteristiche delle acque sono utilizzate con eccellenti risultati per le cure idropiniche, per le malattie dell’apparato digerente e del ricambio e per le malattie ginecologiche. Le acque del luogo sono inoltre particolarmente indicate nei trattamenti per l’ipertensione e per l’obesità.